Meazzi Metropolitan, with a single EL84 tube and ECC83 driver, made in Italy 1959

60's MEAZZI ZODIAC and MEAZZI METROPOLITAN AMP

Meazzi History: http://www.fetishguitars.com/portfolio/meazzi-intro/

ALL ZODIAC INFO: http://www.fetishguitars.com/portfolio/zodia/

Una chitarra futuristica. Nell'immenso campo del Vintage, le più amate, ricercate e pagate sono le chitarre americane. Indiscusso il loro fascino e qualità di suono. Ma  l'Italia, nel suo piccolo, ha inventato e costruito prodotti che, forse, non conosciamo, ma che, con la fama di "Liutai migliori del Mondo", iniziando dai violini ed altri strumenti a corda antichi, arriva a Marchi a cui tutti devono fare tanto di cappello: EKO, per dire il più famoso. Il modello ZODIAC e  risale al 1964. Un 2 pick-up regolati da un selettore a 3 posizioni un tono ed un volume:  semplicissima.Manico in acero con tastiera in palissandro (sottile e scorrevole con profilo a "D") e body in alder (ontano), immagino, poichè la vernice è molto spessa e non lascia intravedere le venature, ma dal peso...La paletta ospita 6 meccaniche semplici e scoperte, ed un abbassacorde circolare come quello delle Tele Vintage. La sua forma  è una via di mezzo fra Tele e Strato. Il manico ha lo ZERO FRETS, tradizione italiana e tedesca ed è semplicemente avvitato senza piastrina.Ma quello che più mi stupiscono sono i materiali metallici usati: il ponte ha le sellette in acciaio INOX di dimensioni e peso enormi rispetto a qualsiasi altra marca. Leva vibrato in inox anch'essa, stoppatore delle corde a slitta facilmente innestabile. Come ancoraggio delle corde e funzionamento della leva ricorda molto il Bigsby. Non esistono tracce di ruggine su questa chitarra: e come potrebbebbero esistere con questi materiali di classe?!Il suo suono è onesto, aggressivo, se vogliamo, con il p.u. al ponte e morbido, ma non impastato, con quello al manico, e l'insieme ricorda la tele nella stessa combinazione.Insomma, come tutto al mondo, può piacere o no, ma sono indiscusse l'arte e la fantasia italiana. Una linea così potevano inventarla solo gli "abitanti di questo bel paese". Articolo pubblicato su Laster Guitar da:andy46

Lili Zeller

At first sight, this Meazzi Zodiac looked to me like a small body travel guitar à la Eko Short Gun, then I found this picture of Swiss musician Lili Zeller playing the Zodiac (on fetishguitars.com, like usually when one needs info about Italian vintage guitars), and like me you can see that despite its unusual design, it's a well proportionate and well balanced instrument. I'm happy to have found this guitar today, it's exciting and inspiring, for both a musician and a guitar maker, not to mention a collector...

Unfortunately this one lacks its bridge and trem arm, but they should be easily replaceable, mostly if you take the opportunity to install an upgraded model of bridge, after all, what matters is how well it plays! Meazzi guitars had all you can expect from Italian vintage ones: odd designs, unique pickups and trems, strange controls and plenty of chromed plates! Meazzi started in the 1950s with Antonio Wandré Pioli for designer, who released his first instruments as Framez - a Meazzi sub-brand.

Splash

Volt

Little Wing guitar solo with Tom Anderson & Metropolitan Meazzi : http://www.youtube.com/watch?v=OCU5WTJw52w

http://www.youtube.com/watch?v=G247CUFeuLs